Vi presentiamo il Collio Ride 2019 (Friuli)

Siamo lieti di annunciare il secondo moto-giro ufficiale TOMCC del 2019: il Collio Friuliano Ride. Il nostro Vincenzo “Enzo” Chirivì ci porterà a visitare questa affascinante terra di confine fatta di dolci colline, piccoli borghi, e ottimi vigneti.

Organizzato assieme agli amici Pochi ma Bonnisti, il giro è aperto a tutte le moto Triumph e si realizza interamente nella giornata di Sabato 18 Maggio 2019, con il Venerdì sera e la Domenica a disposizione per chi arriva da più lontano.

Maggio è il mese ideale per visitare quest’angolo d’Italia: il clima è perfetto, le cantine sono aperte, il vino è pronto per l’assaggio. I gruppi locali TOMCC stanno già cominciando ad organizzarsi per convogliare con le loro Triumph verso il Friuli.

Il programma completo e tutte le informazioni al link qui sotto:

Collo Friuliano Ride 2019: programma completo e info prenotazione.

La rinascita di Triumph (1983-1990)

Lo sapevate che negli anni anni ’60 la Bonneville era la motocicletta di serie più veloce disponibile sul mercato? E che la stessa Triumph era una delle più grandi case motociclistiche al mondo? Nel 1969 negli stabilimenti di Meriden vennero prodotte ben 46.800 motociclette (record storico della casa inglese), tuttavia in meno di dieci anni l’azienda si ritroverà ad un passo dal fallimento. Oggi la nuova Triumph di Hinckley produce oltre 50.000 motociclette all’anno. In queste poche righe riassumiamo la storia della rinascita di Triumph.

Nel dicembre 1983 la storica fabbrica di Meriden viene demolita dopo oltre 40 anni di attività. Al suo posto la Tarmac Homes costruisce un nuovo quartiere residenziale le cui vie sono intitolate alle gloriose Triumph (Bonneville Close e Daytona Drive).

La Bonneville dell’autore fotografata a Bonneville Close road nel 2016

Allo stesso tempo il presidente della vecchia cooperativa Triumph, John Rosamond, è in contatto con i possibili compratori del marchio Triumph ed i relativi diritti ai quali sono interessati: i f.lli Castiglioni della Cagiva, Mr. Teerlink di Harley-Davidson, due imprenditori non meglio conosciuti (Mr. Shah e Mr. Hall), due consorzi indiani e l’imprenditore edile inglese John Stuard Bloor (JSB). Come ben sapete fu proprio quest’ultimo ad ottenere i diritti sul marchio e sulla proprietà intellettuale di Triumph.

La nuova società fondata da John Bloor nel 1984, e denominata “Bonneville Coventry Limited”, è catalogata nei documenti ufficiali dell’epoca come azienda costruttrice di motociclette, abbigliamento ed accessori. Poco tempo dopo l’azienda cambierà la propria ragione sociale in “Triumph Motorcycles (Coventry) Limited”. Già nel 1985 si mettono le basi per la rinascita della casa inglese e, in mancanza di uno stabilimento vero e proprio, le prime attività di test e sviluppo vengono portate avanti nella piccola sede in Collier Street. Con la fine del 1986 tutta la gamma dei motori è, almeno sulla carta, definita. Nel 1987 il primo prototipo del motore 1200cc a quattro cilindri raffreddato ad acqua inizia a girare al banco per i primi test. Nel corso dell’anno le prime unità a quattro cilindri 1200cc e a tre cilindri 750cc vengono montate in alcune motociclette camuffate, si narra, con carenature Kawasaki: iniziano i primi test su strada.

Nel 1988 inizia la costruzione del primo stabilimento di Hinckley (Factory T1) dove nell’anno successivo verranno istallate le linee di produzione. Il 29 Giugno del 1990 John Bloor scopre le carte e apre le porte del nuovo stabilimento di Hinckley a parte della stampa specializzata: alcuni giornalisti selezionati sono invitati a visitare il nuovo complesso industriale nel Leicestershire e le modernissime linee di produzione. Con l’occasione ai giornalisti presenti viene svelata in anteprima la nuova gamma Triumph destinata a essere presentata al pubblico in occasione del salone di Colonia da lì a pochi mesi.

Le nuove Triumph sono svelate al grande pubblico il 19 settembre del 1990 in occasione del salone motociclistico di Colonia dove è esposta la nuova gamma mossa da moderni motori a tre e quattro cilindri: le nude Trident 750 e 900, le gran turismo Trophy 900 e 1200 e le sportive Daytona in versione 750 e 1000cc.

John Bloor invita a Colonia tutti i collaboratori che dal 1984 hanno partecipato alla rinascita di Triumph.

1990 – Triumph al Salone di Colonia del 1990


1990 – Triumph Factory T1 (Montaggio motori)

Maggiori approfondimenti su questo argomento sono disponibili nella seguente pagina del Registro Storico Triumph: Storia Triumph 1983-1990.

(Sandro Zornio – Registro Storico Triumph)

Triumph Black Rally a Sestri Levante in Liguria

Con grande piacere vi annunciamo il primo moto giro del Calendario 2019 del Triumph Owners Club Italia. Il nostro Paolo “Kappa” Capozio ci propone il Black Rally, un affascinante itinerario in Liguria, tra mare e monti con base nella splendida Sestri Levante:

Un tour molto bello, con un sacco di curve e tantissimi contrasti, scelto appositamente per cercare di far conoscere i vari aspetti della Liguria, non solo quelli più conosciuti… Il mare e la montagna, le terrazze di ulivi ed i boschi di castagni, la sabbia di Sestri Levante e l’ardesia, l’oro nero della Val Fontanabuona! E visitare una cava di ardesia…non capita tutti i giorni, neanche a noi liguri… Vi aspetto a braccia aperte.

Basilica dei Fieschi, punto di ritrovo e partenza del Black Rally

La Liguria è una regione particolarmente fortunata dal punto di vista climatico, già ai primi di Marzo è piacevole girarla in moto. Su consiglio di Claudio ne approfittiamo senza indugio, godendoci il poco traffico e le migliori condizioni economiche, ritrovandoci Sabato 6 Aprile per il Black Rally, con arrivi già dal Venerdì pomeriggio e partenze la Domenica mattina per chi viene da più lontano.

Visiteremo le storiche cave di ardesia, l’oro nero della Val Fontanabona

Il programma completo e info su costi e prenotazione sono disponibili sul nostro sito, alla pagina dedicata al Black Rally:

Triumph Black Rally a Sestri Levante, in Liguria

Accorrete numerosi, ci sarà da divertirsi!

Il Triumph Owners Club compie 70 anni

Quest’anno (2019) cade il 70esimo Anniversario dalla fondazione del Triumph Owners’ Motor Cycle Club. Era infatti il Novembre del 1949 quando uno sparuto gruppo di appassionati si riunì nella Church Hall di Acuba Road, Wandsworth, South London (demolita negli anni 80), per fondare il Club.

In origine il nome doveva essere “Triumph Motor Cycle Club” ma Edward Turner, preoccupato di distinguere chiaramente il Club dalla fabbrica, propose l’aggiunta di quel “Owners” nel mezzo. Questa scelta influenzò i nomi di molti altri Club nel mondo – ovunque si rinvenga un ‘Owners’ nel nome del Club (e ce ne sono tanti), lo si può far risalire direttamente alla fondazione di TOMCC.

Per celebrare degnamente questo anniversario ogni Branch è invitata dal HQ ad organizzare un ride della lunghezza 70 miglia certificate. Ogni membro che completerà la distanza sulla sua Triumph riceverà un riconoscimento speciale dal HQ.

Per quanto riguarda noi di TOMCC Italia, pensiamo di tenere il ride di 70 miglia certificate in occasione del raduno nazionale, che quest’anno si terrà in Chianti il 22 Giugno.

Dal primo Tourist Trophy del 1907 alla Moto2 del 2019

Con la stagione 2019 Triumph Motorcycles tornerà, dopo molti anni, al vertice delle competizioni motociclistiche grazie al nuovo propulsore tricilindrico 765cc (oltre 140 cv di potenza massima) che equipaggerà i prototipi del campionato mondiale Moto2.

2018 – Prototipo Moto2 Triumph

Nel corso della lunga storia di Triumph le competizioni non sono mai state l’obiettivo primario di chi, in epoche diverse, fu ai vertici della casa britannica. Tuttavia, in alcuni periodi Triumph è stata fra le case più vittoriose in senso assoluto. In questo senso vanno sicuramente ricordate le prime pioneristiche gare organizzate, agli inizi del ‘900, nelle polverose strade di allora piene di buche ed insidie. A quei tempi riuscire a terminare una gara era già considerato un grande successo indipendentemente dalla posizione al traguardo.

La competizione più famosa dell’epoca era sicuramente il Tourist Trophy che si disputava all’isola di Man: dovete pensare a questa competizione come al campionato mondiale odierno. All’epoca non esistevano circuiti appositamente pensati per le competizioni e quest’ultime si svolgevano su strada (nel 1907 venne inaugurato l’autodromo di Brooklands, il primo circuito al mondo espressamente progettato per le competizioni motoristiche). Le prime gare sull’isola di Man si disputarono su strade per lo più non asfaltate sempre con il pericolo che qualche pecora o dell’altro bestiame attraversasse la strada, per non parlare poi dell’eventualità della pioggia che rendeva le strade fangose e scivolosissime.

Una vittoria al TT di quegli anni deve essere considerata come la vittoria odierna del campionato mondiale MotoGP!


1912 – Una rara foto del TT di Man

Il TT nasce nel 1907 e già nel corso della prima edizione la classifica vede ben due Triumph sul podio: Jack Marshall e Frank Hulbert, entrambi in sella alla Triumph monocilindrica da 476 cc, rispettivamente al secondo e terzo posto. La gara fu vinta da Charlie Collier in sella alla Matchless, ma la sua vittoria fu contestata perché Collier utilizzò i pedali durante la gara (!) riuscendo così a rimanere entro i limiti di consumo previsto dal regolamento.

Nel 1908 si disputa la seconda edizione del TT: il risultato finale sarà incredibilmente importante Triumph dal punto di vista delle prestazioni e, soprattutto, dell’affidabilità: Jack Marshall vince la gara in sella alla Triumph 475cc con una velocità media di 65 km/h segnando anche il giro più veloce a 69 km/h e, nelle prime dieci posizioni della classifica ci sono altre sei Triumph!


1908 – Jack Marshall vittorioso al TT di Man (foto tratta da “Triumph Singles di Roy Bacon)

Un’altra curiosità che forse non tutti gli appassionati Triumph conoscono è legata al CIV, il Campionato Italiano Velocità, che nella sua prima edizione disputata l’8 ottobre 1911 vede vittorioso Carlo Pusterla in sella ad una Triumph monociclidrica 500cc.

(Sandro Zornio – Registro Storico Triumph)

Le pillole di Sandro

Buon Anno! Per questo 2019 TOMCC Italia ha in programma molte iniziative nuove e interessanti – chi era presente al pranzo di fine anno ne sa già qualcosa. La prima di cui voglio parlarvi è la nostra collaborazione col Registro Storico Triumph.

TOMCC e RST hanno molte cose in comune: un profondo legame col marchio Triumph, le sue motociclette e la sua gente, e anche, e forse soprattutto, il desiderio di promuovere un’idea di motociclismo a più dimensioni. Moto-turismo, raduni, amicizia e divertimento, certo, ma anche cultura, competenze, approfondimento.

Diversi membri di RST, orgogliosi possessori di splendide moto storiche, sono anche soci TOMCC e vice-versa. Ci si frequenta, ci si conosce, si discute, nascono idee che a volte evolvono in progetti concreti. Uno di questi, che molto mi entusiasma, vede la luce in questi primi giorni del nuovo anno.

Si tratta della nuova rubrica Le pillole di Sandro a cura di Sandro Zornio, grande esperto di Triumph e presidente RST.

A partire dalla prossima settimana consegneremo mensilmente ai nostri soci, in casella mail e sul sito, notizie, curiosità e approfondimenti sulla storia, i modelli, le persone, le imprese che hanno fatto (o stanno facendo) la storia di Triumph in Italia e nel mondo.

Col taglio divulgativo e la buona scrittura che gli sono propri, Sandro ci offrirà una opportunità preziosa per saperne di più. Una migliorata competenza ci aiuterà a rispondere meglio a una semplice domanda: perché, esattamente, il marchio Triumph Motorcycles ci affascina tanto?

Alla settimana prossima allora, con la prima pillola.

Diario di Viaggio in Tunisia

Lo scorso Ottobre il nostro prode Fiorello ha partecipato ad uno splendido giro in moto della Tunisia. Il suo diario di viaggio è disponibile sul nostro sito, arricchito tra l’altro da molte belle foto. Ecco come comincia:

E alla fine l’ora è giunta. Si parte. Guido la moto da ormai 35 anni e mai, anche nei miei pensieri più reconditi, avrei pensato di affrontare un viaggio nel deserto, ma si sa con l’avanzare dell’età le idee cambiano e il pressante invito di due compagni di viaggio, Cesario e Maurizio, mi ha infine convinto: faremo il tour della Tunisia.

Continua a leggere il diario di Fiorello: Tunisia 2018

PS: se anche tu hai voglia di condividere le tue avventure in moto mettiti in contatto con noi.

Pranzo di Fine Anno con visita al Museo della Ferrari

Il pranzo di fine anno è l’occasione in cui ci ritroviamo per celebrare la fine della stagione trascorsa e fare piani per la prossima, ormai imminente. È anche il momento del ritrovo conviviale e della conoscenza reciproca, tra soci che provengono dalle parti più diverse del paese e che non sempre riescono a partecipare come vorrebbero alle attività del Club.

Per questo motivo cerchiamo di pianificarlo in una zona il più possibile raggiungibile via moto, auto, e possibilmente treno. Quest’anno ci troviamo nelle immediate vicinanze di Modena, strategicamente posta sulla autostrada A1 e sulla direttrice ferroviaria più importante d’Italia.

Come anticipato, il pranzo (e la connessa visita al Museo Ferrari) si terrà Domenica 16 Dicembre 2018, nei pressi di Maranello (MO).

Speriamo davvero che vorrete e potrete partecipare numerosi. Tutte le informazioni, il programma, e il modulo di prenotazione sono disponibili alla pagina dedicata:

Pranzo di Fine Anno con visita al Museo della Ferrari

Convenzione col Grande Albergo di Sestri Levante

Da oggi è operativa una convenzione tra il Triumph Owners Club ed il Grande Albergo di Sesti Levante (GE). Dal sito della struttura apprendiamo che:

“Affacciato sulla passeggiata mare di Sestri Levante, il Grande Albergo è ormai un punto di riferimento nell’accoglienza turistica e business del Golfo del Tigullio. Meta ideale per visitare le bellezze più suggestive della Liguria, quali le meravigliose Cinque Terre e l’intramontabile Portofino, il Grande Albergo offre la possibilità di trascorre vacanze all’insegna del relax, gustando cocktail dalla piscina privata panoramica, situata sul tetto dell’edificio o semplicemente dal balconcino della propria camera.”

Ai tesserati TOMCC è riservato uno sconto significativo sui soggiorni presso la struttura, oltre che l’accesso gratuito al parcheggio.